ABARTH 1000 Zagato Record (1960)

125.000,00 

Year: 1960

Body: COUPE’

Colour: ROSSO

Condition: CONSERVATO

Fuel: BENZINA

Kw/Hp: 55/75

cc: 1.000

Km: 20.000

Descrizione

Descrizione

Abarth 1000 Zagato Record Monza Ex Trivellato Passato Sportivo

Si tratta di una delle coupè torinesi costruite in numero limitato di esemplari per rientrare nella categoria dei prototipi sportivi. In questo caso la linea è opera della mano originale della Carrozzeria Zagato. La prima delle 750 fu presentata nel 1956, utilizzando come base una delle più comuni vetture dell’epoca: la Fiat 600. Zagato ne aveva personalizzato il vestito e Abarth tutto quello che c’era sotto: dal motore ai freni, alle sospensioni, senza tuttavia intervenire sul telaio della Fiat 600. Il risultato fu una piccola “bomba” stradale capace di prestazioni sportive sorprendenti, considerando la base di partenza.

Grazie all’incremento di alesaggio e corsa il motore passava dai 633 cc della Fiat 600 ai 747 cc della versione Abarth, a cui seguiva la modifica di numerosi altri componenti, con il risultato finale di far crescere la potenza massima da 23 a 44 CV a 6.000 giri e portare la velocità massima a 153 km/h, un record praticamente.

Nella fattispecie, l’esemplare in oggetto , costruito nel 1960, appartiene invece all’evoluzione del primo modello per il quale fu introdotto un motore con una testata disegnata direttamente da Abarth che portò la potenza massima a fino alla soglia dei 70 CV, grazie anche all’inserimento del doppio albero a camme in testa, da qui il nome di “Bialbero” ed alla cilindrata aumentata ad 1 lt. Così equipaggiata la piccola 750 Bialbero diede del filo da torcere anche a vetture dalla cubatura più generosa.
Questa gloriosa berlinetta , che si presenta ancora con i segni del tempo e delle competizioni vissute , ha avuto la maggior parte della sua carriere dedicata proprio alle corse di velocità in salita.
Il collettore di aspirazione con i doppi carburatori weber sono tipici del preparatore Veneto Trivellato.
Dopo essere passato di mano tra noti piloti come emerge dal documento cronologico dell’Automobile Club Italia , in particolare Stelis e Pinchetti nel 1962 e successivamente il driver Galasso nel 1964 , è appartenuta poi al collezionista Siciliano Abarth Rosario Musumeci.
Oggi si presenta conservata , con i segni del tempo , pronta per un restauro conservativo , completissima.

Preventivo gratuito e personalizzabile in base alle vostre esigenze, con possibilità di finanziamento.

Tutti i nostri veicoli storici e classici vengono venduti con Certificazione di Conformità.

Il prezzo al pubblico indicato non è comprensivo di eventuali spese relative a passaggio di proprietà, immatricolazione e/o esportazione.

Le informazioni contenute in tale annuncio sono state compilate con ogni cura affinché fossero complete, tuttavia, a volte possono contenere errori ed omissioni. Si declina quindi ogni responsabilità se le informazioni consultate non corrispondessero alle aspettative del cliente.

Tutti i nostri veicoli sono visionabili, in ogni parte. E' gradita la presenza di un Vostro tecnico di fiducia od esperto del settore. Previo appuntamento è possibile effettuare prove su strada.